NGen Racing

Soluzione: PlayStation

Essere veloci


Come per molti giochi di corsa, la scelta del giusto mezzo all'inizio della carriera è fondamentale. Ma niente paura, il volare non è poi così difficile e si può seguire il motto "la velocità è tutto!". Il corso per volare non è particolarmente difficile. e attributi come "manovrabilità" e "accelerazione" diventano successiva-mente importanti. È meglio investire tutto il badget nella velocità senza fa-re ulteriori spese: così si guadagnano vittorie sicure fin dall'inizio.

Le scorte


Nella prima corsa si deve riuscire a risparmiare carburante, per poter comprare il più presto possibile i jets più veloci e scalare così rapidamente i più alti livelli delle corsa. Naturalmente si devono vincere tutti i campionati per essere ammessi alla più alta qualifica di corsa. Poi si può accedere al veloce e ricchissimo "Clubman Races". Se ti annoi puoi accettare una particolare sfida e partecipare al "Majic-12" Event: là si pretende il massimo.

Armi


Dopo essersi procurati un mezzo veloce. si dovrebbe esaminare la, possibilità dei tuning. ovvero dei settaggi. La parte tuning procura al jet migliori performance, come l'equipaggiamento di base, che costa solo poco più di un pilota migliore. Non bisogna essere avari: meglio concedersi tutti gli Upgrade che si possono prendere. Prima di tutto, però, ci si deve assicurare il necessario credito (economico) sul proprio conto. Se si vuole, si può verniciare il jet secondo i propri desideri. Non influenza le prestazioni, ma che cosa sono un milione di crediti?

Come pilotare?


Si possono scegliere due stili di guida. "Arcade" è chiaramente più facile, ma anche un po' più lento del livello "Pro". che offre un mino-re bonus supplementare. Incominciando con "Arcade" non si avranno quindi problemi nello stage "Trainer". Tuttavia nel "Majic-12" Event ci si rompe i denti con un metodo di comando più facile, anche nelle classi più alte, poiché si contano perfino i decimi di secondo. Si usi perciò la variante più difficile. e non ci si deve sentire frustrati se si impiega del tempo in più prima di ottenere una buona prestazione di guida. Non è sicuramente un dolce divertimento! In questo Event il vantaggio è d'altra parte ripagato dopo aver ottenuto la performance desiderata. Più si risparmia rispetto al tempo richiesto, più Crediti si ottengono.

Volare veloci!


Normalmente non si può lasciare il percorso. Se si vola fuori sopra il limite laterale, appare un annuncio sullo schermo con un orologio, che fa inesorabilmente il conto alla rovescia da tre secondi. Se si è ancora fuori pista quando si avvicina allo zero. si attiva il pilota automatico che accompagna di nuovo il pilota sul percorso. Il pilota automatico riduce purtroppo anche la velocità e frena: quindi bisognerebbe evitare di uscire dal tracciato Le curve possono naturalmente esse-re tagliate quando si riesce a stare entro il limite dei tre secondi. Qualche volta queste scorciatoie decidono la vittoria o la sconfitta.

Reattori di fuoco!


L'accensione degli afterbuners è per "N-Gen Racing" indispensabile. Prima di tutto nelle gare più difficili si deve impiegare questa forza di spinta nei giusti punti: nei canyon stretti e soprattutto nelle curve lente non serre quasi a niente. Si utilizza l'afterburner o sui lunghi rettilinei o nelle curve larghe, che possono essere tagliate. Inoltre si hanno vantaggiosi effetti immediati e si tra-scorre poco tempo fuori dai tracciati in modo da evitare il pilota automatico.

Nessuna pietà!


Nella corsa di qualificazione si deve effettuare un intero giro. Qui è meglio prestare la massima attenzione, poiché la concorrenza non sta a guardare. Per avvantaggiarsi bisogna rigorosamente rimanere nel mezzo della pista. Ci si può dimenticare anche la barra dell'energia, perché nel breve periodo di tempo in cui si effettua un giro. non può capitare nulla. Molto importante è che si raccolgano tutti gli afterburner upgrade e che si utilizzino al meglio. Altrimenti si perdono impor-tanti decimi di secondo, finendo nella corsa in una pessima posizione di partenza.

Piedi di piombo


Sulle rotte facili si può premere in qualunque momento il tasto dell'accelerazione e contemporaneamente il turbo, poiché appena l'afterburner è caricato, lo si può utilizzare di nuovo. A causa della difficile organizzazione del percorso nei livelli più alti, che sono riempiti sia di molte curve e sia di più ostacoli, si dovrebbe inserire in modo ponderato il turbo. A seconda del circuito si deve scegliere la tattica più adeguata e non si devono trascurare anche le armi.

Questione di opinioni


I differenti livelli di "N-Gen Racing" necessitano di differenti angoli di visuale. Se non si ha ancora fiducia nella guida, si dovrebbe pilotare dalla prospettiva dell'inseguitore. Così si ha una migliore vista e ci si può avvicinare volando in modo preciso allo scopo. Tuttavia se si impiegano le armi, è come se si inserisse la visuale dall'abitacolo, perché si attiva il congegno di puntamento. Suggerimento: meglio fare alcuni giri nel test di volo o sui percorsi facili, prima di precipitare con la visuale dall'abitacolo sul campo di battaglia.

Breve colpo di fuoco


Con le armi si possono indebolire i nemici e obbligarli a rallentare. Rinunciate però, a bombardare accanitamente i piloti nemici, perché vi sviano dalla rotta di volo principale ed è doppiamente svantaggioso: primo perché costa tempo e secondo perché si esauriscono anticipatamente le scorte di munizioni. Suggerimento: sparare da cinque a dieci colpi, se l'altro jet è proprio davanti a voi o sulla croce di puntamento. Così Io si indebolisce un po' alla volta e lo si obbliga alle riparazioni, che naturalmente costano tempo. Si dovrebbe riuscire a riparare il jet se dovesse essere necessario. Le riparazioni costano tempo, perché spesso obbligano a fare giri più lunghi e qualche volta sviano anche dall'Atterburner-Upgrade. Se non si ha bisogno della salute piena e incondizionata, si dovrebbe rinunciare al ripristino dell'energia. Se non si devono superare ulteriori grossi pericoli e la fine della corsa è vicina, è meglio non ripararsi. Meglio concentrarsi davvero per non urtare contro gli spigoli in ogni luogo.

Rimanere rilassati


In una corsa dove si spara accanitamente, si può trovare un modo semplice per ottenere crediti. Basta rimanere fermi sin dall'inizio senza sparare. Successivamente si può stare a guardare da lontano. e mentre i nemici si combattono reciprocamente. si guadagnano automaticamente buoni piazzamenti. Chiaramente si risparmia anche una quantità di carburante: e un terzo posto può portare parecchi milioni.

Saltare i Checkpoint


Su ogni corso si deve volare attraverso i vari "Checkpoint". Si deve? Assolutamente no, poiché si capisce velocemente, che il commissario di corsa mostra la bandiera nera solo quando si salta qualche stazione intermedia per due volte in una corsa. È chiaro che questa tolleranza deve essere sfruttata. Suggerimento: passa i checkpoint solo se hai sufficiente Turbo-Power (Afterburner): in alternativa è meglio risparmiare strada, poiché per esperienza il percorso risparmiato è rilevante e dunque fa guadagnare anche molto tempo.

Attacco dalle spalle


I pericoli non sono solo di fronte, di tanto in tanto bisogna anche guardarsi le spalle. Rimanendo in attesa non ci si può aspettare nulla di buono. Per esperienza, infatti, quando si è troppo tranquilli significa che il nemico si sta preparando. Quando succede non ci si deve girare per vedere cosa succede: sarà annunciata la sua posizione con una freccia. Quanto più luccicante è la freccia, tanto più preoccupante sarà la situazione, perché tanto più vicino è l'inseguitore. Quando il nemico spara, si deve stare molto attenti. Per evitare i colpi basta osservare da che parte è il jet nemico e deviare dall'altra. Si può anche sfuggirli in velocità, ma è necessaria una provvista di energia afterburner e un lungo rettilineo.

Volare bassi!


Quanto più in alto si vola, tanto meno efficiente è il propulsore. Questo è naturalmente un trucco degli sviluppatori per obbligare i giocatori a volare bassi, dove si trovano, nelle vicinanze del suolo, la maggior parte degli ostacoli. La via dorata nel mezzo è perciò la più appropriata. Non prendere troppi rischi! Soprattutto nei Canyon più stretti è meglio volare spesso vicino al suolo. Dal momento che si può riuscire con un po' di allenamento a volare bene anche a bassa quota, è meglio fare qualche prova per risparmiare tempo e un paio di decimi. Gli avversari, infatti, conoscono bene questa tecnica e la usano spesso.